Il blog di

Marcello Saponaro

Operazione trasparenza

(la registrazione non autorizzata della Commissione Ambiente del Pirellone. L’audizione dell’Assessore Ponzoni in merito all’inchiesta sulle bonifiche)

Noi chiediamo trasparenza sull’affare bonifiche in Regione Lombardia. In Commissione Ambiente (di cui non faccio parte), invece, la Presidente Margherita Peroni vieta le registrazioni a TV e radio. Ma non al mio telefonino… fino a quando se ne accorge.

Una sola parte della Commissione è contenuta pertanto in questo video. Prima dell’inizio della registrazione è intervenuto Carlo Monguzzi. Nel video le domande di Mario Agostinelli, Gianfranco Concordati, Giuseppe Civati. E dopo l’intervento di Agostinelli la prima parte delle risposte di Massimo Ponzoni, assessore regionale all’Ambiente.

Queste le quattro domande di Carlo:

  1. Perchè tutte le bonifiche a Grossi?
  2. Perchè tutte le direzioni lavori a Tedesi?
  3. Perchè 12 milioni di euro sono stati messi a disposizione dopo l’inizio dell’inchiesta?
  4. E’ naturale che l’Assessore Regionale all’Ambiente sia in rapporto d’affari con Rosanna Gariboldi, ex assessore di Pavia, oggi in prigione accusata di essere in associazione con Giuseppe Grossi nel riciclaggio di fondi neri?

Ascoltate le risposte…

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare l'articolo anche qui, gli articoli precedenti qui.

8 Comments on Operazione trasparenza

  1. Angelo Bergomi
    25 novembre 2009 alle 5:44 pm (5 anni ago)

    Siccome i piani cave delle Province lombarde non erano sufficientemente grandi (???!) si permettono bonifiche che sono interventi veri e propri di escavazione. Chi stabilisce che un intervento non sia un’escavazione di 500 metri cubi in una zona che non aveva bisogno di una bonifica ambientale? Si sta perseguendo forse il disegno di consentire escavazioni fuori piano cave?
    Dico solo che a Brescia sono già partiti bacini come quello di Rovato senza VIA nonostante fossse superiore ai 20 ettari di soglia fissata per legge, in un piano cave di quasi 30 milioni di metri cubi sovradimensionato rispetto alle esigenze della Provincia. E adesso che si fa? Si mascherano escavazioni con bonifiche?
    E’ una bonifica fare un buco di 5 metri in un campo per co0ltivare ortaggi a 5 metri di profondità?
    Gradirei che la Commissione Sesta regionale e la sua presidente lo spiegassero, visto che i cittadini di Rovato li conoscono bene da quando frequentavano le sedute della commissione sesta nel 2004 all’epoca dell’approvazione del piano cave bresciano.
    Angelo

  2. Antonio
    25 novembre 2009 alle 6:33 pm (5 anni ago)

    Ad Angelo, qui lo scandolo è delle bonifiche ambientali di siti inquinati e non di bonifiche agricole, che sono altre cose gravi anche quelle

  3. Vitto
    26 novembre 2009 alle 10:02 am (5 anni ago)

    @Angelo …attenzione a non fare confusione tra le bonifiche agricole e le bonifiche di terreni contaminati.

    Le bonifiche di fondi agricoli sono normate, in regione Lombardia, dalla L.R. 14/98. Dove per bonifiche(di fondo agricolo) si intende lo scotico del materiale vegetale e il livellamento del sottostante sottofondo, con “eventuale” commercializzazione del materiale in “eccesso”. Le competenze vengono assegnate a Comune o a Provincia, in funzione del superamento, o meno, dei 500 mc/hettaro di materiale mercantile movimentato.

    Le bonifiche di terreni contaminati, a cui si riferisce questa nota, fanno riferimento al D.lgs. 152/06 (testo unico dell’ambiente) e riguardano la rimozione e il trattamento di materiali che sono stati contaminati da attività industriali (raffinerie, chimiche, farmaceutiche) che per le più svariate cause hanno contaminato le matrici ambientali del contesto in cui sono inserite (acqua, terreno, aria, ecc.).

    In entrambe i casi ci sono margini per ricavare molto più di quanto legalmente ammissibile, l’unica differenza sono gli ordini di grandezza. Per le bonifiche di fondo agricolo, attraverso sotterfugi a cui il titolare di questo blog, insieme ad amici/consulenti, stà cercando di porre fine, si può asportare più ghiaia di quanta dichiarata nel progetto. Si potrebbe immaginare addirittura che il materiale usato per ritombare il fondo agricolo (riportare alla quota di campagna originaria) abbia un’origine incerta, cosa che porterebbe ulteriore guadagno a operatori senza scrupoli.

    Per le bonifiche di terreni contaminati, in termini di ricavo ed eventuale sovra-introito non programmato, si hanno ordini di grandezza di 100-1000-10.000 volte più elevati di quelli che si possono ottenere da una bonifica di fondo agricolo.

    In questo specifico caso, abbastanza complesso,una delle contestazioni che vengono fatte al “re” delle bonifiche è lo strano sovradimensionamento delle stime (€) per l’asporto,il trattamento e lo smaltimento di terreni contaminati.

  4. Angelo Bergomi
    26 novembre 2009 alle 12:08 pm (5 anni ago)

    Prendo atto della differenza delle tipologie di bonifica che non avevo colto da una lettura dell’articolo ma prendo l’occasione per sottolineare il rischio che anche le “bonifiche” agricole possono comportare. Interventi fuoi piano cave che consentono di esportare 500 mc/ettaro sono da un lato un drogaggio del mercato degli inerti, dall’altro interventi sul territorio troppo spesso non necessari se non per le tasche di qualcuno.
    Un bravo tecnico può richiedere una bonifica di questo tipo motivandola con ragioni agricole ma se un terreno è già piatto, non ha problemi di irrigazione per quale ragione bisogna dire di sì a un’escavazione che abbassa il piano campagna di 3-5 metri?
    Attenzione, quindi.
    Angelo

  5. Pepito Sbazzeguti
    26 novembre 2009 alle 12:27 pm (5 anni ago)

    Servirebbe un po’ più di umiltà sul Blog

  6. Antonio
    26 novembre 2009 alle 12:30 pm (5 anni ago)

    @Angelo…concordo, ma se ti serve ci sono due delibere di giunta regionale che disciplinano gli interventi ai sensi dell’art. 36 (bonifiche) che possono tornare utili per mettere un pò di paletti. Brescia dal 1998 ad oggi ha autorizzato bonifiche agricole x circa 3.500.000 mc di asportazione, senza contare le bonifiche che avranno autorizzato i comuni. Tieni conto che dall’aprile del 2004 è vietato asportare materiale e riportare terra dall’esterno.
    Ciao

2Pingbacks & Trackbacks on Operazione trasparenza

  1. Ecologia 2.0
    25 novembre 2009 alle 5:55 pm (5 anni ago)

    [...] bonifiche in Lombardia: In Commissione Ambiente del Consiglio Regionale, l’Assessore Massimo Ponzoni risponde alle [...]

  2. La Banda » Blog Archive » Il Podcast
    28 dicembre 2009 alle 12:59 pm (5 anni ago)

    [...] Oggi puntata lunga, un’ora e mezza, un paio di tetti e il grande concorso ‘La Sillaba de… Bookmark It Hide Sites [...]

Leave a reply